Mappare l'accessibilità di Milano per le Olimpiadi e Paralimpiadi del 2026

Presentato al GIVING TUESDAY, il progetto vuole rendere Milano la prima città al mondo con una mappatura completa di accessibilità in previsione delle Paralimpiadi e Olimpiadi 2026.

Ciò rappresenterebbe una svolta epocale a livello nazionale e internazionale in merito ai temi dell’accessibilità e dell’inclusione. Milano diventerebbe il modello precursore per altre città in Italia, Europa e nel mondo.

Ospitare la manifestazione rappresenta una grande opportunità per la città. Milano dovrà essere preparata per accogliere al meglio milioni di persone da tutto il mondo e sarà alla ribalta sulla scena internazionale.

Mappare e rendere disponibili sul web le informazioni di accessibilità dei luoghi permetterebbe a chi ha delle esigenze specifiche di potersi muovere consapevolmente scegliendo ciò che è maggiormente compatibile con le proprie necessità.

Le mappature si riferiscono a: servizi di trasporto pubblico, luoghi di interesse turistico, strutture ricettive, ristoranti, negozi, attività di servizi alla persona.

Un beneficio concreto per i suoi abitanti, per chi vi è di passaggio per lavoro nonché per il turista oltre alla positiva ricaduta sull’economia. L’istituzione di una nuova figura professionale, ovvero il rilevatore qualificato o addetto alle operazioni di rilevazione dati, vede anche la creazione di occupazione, rivolta soprattutto a giovani, disoccupati e categorie svantaggiate.

Milano città accogliente e inclusiva, attenta alle esigenze specifiche di tutti e tutte e all’avanguardia in merito ad accessibilità. Una finestra sul mondo per promuovere la cultura dell’inclusione. Questo è l’obiettivo finale del nostro progetto.

In cosa consiste?

Mappatura delle informazioni di accessibilità di Milano

  • Fermate dei mezzi pubblici
  • Stazioni
  • Musei e punti di interesse turistico
  • Alberghi
  • Ristoranti
  • Attività commerciali
  • Servizi alla persona (parrucchieri, centri estetici, etc.)
  • Studi professionali
  • Ambulatori medici

Elaborazione e messa a disposizione dei dati gratuitamente per gli utenti su willeasy.net e sui portali di riferimento che aderiscono al progetto (per esempio siti web di enti pubblici, privati).

Obiettivi di sviluppo sostenibile e impatto

Il progetto si prefigge il raggiungimento dei seguenti obiettivi di sviluppo sostenibile (SDG)

Obiettivo 8: Promuovere una crescita economica duratura, inclusiva e sostenibile, la piena occupazione e il lavoro dignitoso per tutti.
Impatto positivo sul territorio formando e impiegando rilevatori qualificati (addetti alle operazioni di rilevazione dati) offrendo opportunità professionali a giovani, disoccupati e ad altre categorie svantaggiate.

Favorisce, inoltre, il rilancio del turismo, settore fortemente colpito dall’emergenza sanitaria Covid-19.

Obiettivo 10: Ridurre le disuguaglianze all’interno dei e fra i Paesi.
Grazie alla raccolta, elaborazione e messa a disposizione gratuita di dati oggettivi e verificati inerenti all’accessibilità, permette alle persone con esigenze specifiche di trovare gli eventi e le strutture (ristoranti, hotel e musei, per esempio) più adatte per le loro necessità nonché di spostarsi in città in modo più consapevole e sereno.

Ciò consente loro di vivere esperienze gratificanti, pianificare al meglio gli spostamenti, evitare di sentirsi a disagio e favorisce così l’inclusione sociale.

Obiettivo 11: Rendere le città e gli insediamenti umani inclusivi, sicuri, duraturi e sostenibili.
Il lavoro di mappatura dell’accessibilità dei luoghi è fondamentale per conoscere dati oggettivi e fruibili da tutti non sempre accurati, disponibili o esistenti ed è utile per fare in modo che gli spazi vengano ripensati in ottica di inclusione e accessibilità.

La questione dei dati di accessibilità

Avere a disposizione su internet gratuitamente le informazioni oggettive di accessibilità dei luoghi (pubblici e privati, esterni o interni) è fondamentale per la qualità della vita delle persone che hanno esigenze di accessibilità.

Solo in Italia sono 20 milioni le persone che hanno delle necessità specifiche quando si spostano, sia nel quotidiano che in viaggio.

Si tratta di:

  • Persone con disabilità (motoria, sensoriale, cognitiva);
  • Famiglie con bambini piccoli;
  • Donne in gravidanza;
  • Anziani;
  • Persone che hanno allergie o intolleranze alimentari;
  • Chi porta con sé il proprio animale domestico.

Secondo l’UNWTO (United Nations World Tourism Organization, agenzia specializzata dell’ONU), più di 1,2 miliardi di persone nel mondo hanno esigenze legate all’accessibilità e quasi metà di queste persone lamentano la mancanza o l’inaccuratezza di informazioni sull’accessibilità dei luoghi.

Una su tre rinuncia ad uscire di casa per la paura di sentirsi a disagio.

Come puoi aiutarci

Con questa campagna vogliamo finanziare le attività di avviamento del progetto, sostenere i costi iniziali, preparare un progetto da presentare all’Amministrazione Comunale di Milano.

Leave a Reply